Rosso San Valentino, anticipazioni della sesta e ultima puntata

di Daniela Commenta

Rosso San Valentino

Ieri sera in prima serata su Rai Uno è andata in onda la quinta e penultima puntata di Rosso San Valentino; stasera vedremo l’attesissima ultima puntata che, com’è prevedibile, è veramente al cardiopalma. Riuscirò Laura a scoprire che fine a fatto suo figlio e chi gliel’ha sottratto e perché? Questo e molti altri interrogativi verranno svelati nel corso della sesta e ultima puntata.

Anticipazioni della sesta e ultima puntata di Rosso San Valentino

Laura (Alexandra Dinu) riesce a liberarsi dalla cisterna nella quale era intrappolata grazie all’aiuto del piccolo Giacomo, ma nonostante la paura vuole scoprire chi ha tentato di ucciderla e cosa si nasconde dietro alla nascita del figlio. Intanto la Danieli Cosmetici è allo sbando a causa della politica scellerata di Alberto Mariani, Giorgio e Lorenzo (Simon Grechi): i tre, infatti, decidono di licenziare molti operai e di interrompere la produzione del profumo Rosso San Valentino.

Laura e Giovanni (Luca Bastianello) vanno a casa della vedova del medico che aveva fatto partorire la ragazza e scoprono che il dottore in realtà vivo e si trova in una casa di cura, ma prima che possa parlare arrivano Daria (Elisabetta Pellini) e Lorenzo che lo mettono a tacere per sempre. Ettore ha un grave incidente d’auto e assicura Laura che lui non centra niente con quanto è successo e indirizza la ragazza verso Vittorio che, finalmente, rivela cosa si nasconde dietro l’incidente del quale fu accusato il padre.

Prima di fuggire definitivamente, Simone incontra Flavia, ma la ragazza lo convince a raccontare tutto alla polizia; anche Laura riesce a riabbracciare il fratello, dopodiché rintraccia l’ostetrica che l’aveva fatta partorire la quale le rivela che il bambino era nato vivo ed era stato venduto a una coppia senza figli.

Ormai Laura e Giovanni sono vicini alla verità ma non sanno che per arrivare veramente in fondo a questa storia, molte persone rischieranno la vita.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>