Anita, Valeria Solarino: “E’ stata poco rappresentata”

di Diego Odello Commenta

Nella prossima stagione su Raiuno andrà in onda Anita, la fiction prodotta da Goodtime per Rai Fiction, costata 6 milioni di euro, girata da Claudio Bonivento tra Portogallo, Bulgaria e Italia, incentrata sul personaggio di Anita Ribeiro, compagna di Giuseppe Garibaldi.

Valeria Solarino, che nella fiction interpreta la protagonista femminile (Giorgio Pasotti invece veste i panni di Giuseppe Garibladi), parla così del suo personaggio (fonte Il corriere della sera):

Era una donna leggendaria, spirito ribelle, incredibilmente moderna, determinata, libera ed emancipata con lo sguardo fiero che non abbassava mai, al cospetto di nessuno. Anche un po’ ignorante nei modi bruschi, mai sottomessa o accondiscendente con i prepotenti. Si racconta che da ragazzina, a un uomo che l’aveva pesantemente importunata per la strada e che aveva tentato di violentarla, gli tolse il sigaro dalla bocca e glielo spense in faccia! Che dire? Un esempio per tutte noi … quante volte noi donne siamo importunate, offese, oltraggiate e vorremmo spegnare un sigaro in faccia a chi lo fa?

L’attrice sottolinea come molto spesso nella finzione il personaggio di Anita sia stato oscurato da quello di Garibaldi:

E’ stata poco rappresentata: il suo Giuseppe ha fatto la parte del leone anche in questo senso, ma tutto sommato sono facilitata nel mio impegno proprio per questo: non esistendo molti precedenti, posso fare la “mia Anita”. Ha di sicuro più problemi chi deve vedersela con Garibaldi.

Il regista Claudio Bonivento aggiunge:

E’ un personaggio che in fondo si conosce poco, ma noi abbiamo cercato di restare aderenti e fedeli alla sua verità. L’intento è di raccontare una grande storia d’amore e non abbiamo dovuto inventarci niente, non abbiamo romanzato molto, perché è già un romanzo scritto la loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>