La mafia uccide solo d’estate 2, anticipazioni quarto appuntamento del 17 maggio su Rai 1

di Antonio Ruggiero Commenta

La mafia uccide solo d’estate – Capitolo 2, fiction nata da un'idea di Pif, torna su Rai 1 alle 21:25 con due nuovi episodi.

La mafia uccide solo d’estate 2, sequel della fiction nata da un’idea di Pif, torna su Rai 1 con la settima e l’ottava puntata, delle quali vi proponiamo una breve trama subito dopo il salto.

La mafia uccide solo d’estate 2, quarto appuntamento

Di seguito le anticipazioni dell’appuntamento di questa sera:

Nel settimo episodio, dopo la tragica morte di Piersanti Mattarella, la città di Palermo vivrà dei momenti di forte disorientamento, mentre Lorenzo, durante una sua ricerca personale troverà dei documenti sospetti su un appalto e deciderà d’indagare chiedendo aiuto a Marina. I due restando molto insieme, rafforzeranno sempre di più il loro rapporto. Salvuccio farà una scoperta che lo turberà moltissimo, ovvero i resti di alcuni pupi carbonizzati nella boutique dove lavora. Nel frattempo, Massimo si renderà conto di non essere un discografico e che, senza volerlo, è stato coinvolto in un traffico di sostanze stupefacenti. Ovviamente questa clamorosa scoperta lo manderà in una crisi profonda. Angela e Rosario, nonostante si siano avvicinati, trascorreranno dei momenti di alta tensione.

Nell’ottavo episodio, Salvuccio e i suoi migliori amici cercheranno di scoprire se Pellerito è costretto a pagare il pizzo alla mafia. Nel frattempo, Lorenzo continuerà a lavorare su un dossier ma dovrà fare i conti con un suo superiore e tra i due ci sarà un forte scontro verbale. Il protagonista, sconfortato per quello che è successo, grazie alla collaborazione di Marina, invierà il fascicolo in forma anonima a un giornale per denunciare tutte le concessioni abusive. Intanto, Massimo prenderà una decisione molto importante. Dopo aver fatto partire l’ultimo carico di droga s’allontanerà definitivamente da questo losco affare, ma le cose però non andranno nel verso giusto perché il piano non andrà a buon fine e per lui si metterà molto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>